10 Simboli Spirituali da conoscere per iniziare a meditare

simboli spirituali

I simboli spirituali sono ormai disseminati un po’ ovunque nel mondo, e sicuramente ti sarai imbattuto in queste immagini più di una volta nel corso della tua vita. Ma forse proprio a causa della loro enorme diffusione e del fatto che vengono spesso abusati nei più svariati contesti non ti sei mai soffermato a coglierne significato, origini e sfumature.

Ho scritto questa breve guida proprio per aiutarti a capire la storia e i messaggi che si celano dietro ai principali 10 simboli spirituali della storia antica e moderna, di modo da darti un’idea dell’enorme potere dei concetti che trasmettono.

Simboli spirituali: cos’hanno di speciale?

Potresti chiederti com’è possibile che dei semplici disegni abbiano un potere speciale o possano suscitare in noi delle precise sensazioni. L’energia insita in questi simboli proviene proprio dalla loro storia millenaria e dalle intenzioni che sono state infuse in questi segni nel corso della storia.

Forse avrai notato che i principali luoghi di culto del mondo (chiese, moschee, sinagoghe, ma anche il misterioso Stonehenge) hanno un’aura mistica che li circonda, un’energia palpabile che si respira al loro interno, ed è proprio perché nel corso dei secoli migliaia di persone hanno concentrato la loro energia spirituale in quei luoghi, pregando, svolgendo rituali e nutrendo la loro spiritualità.

I simboli funzionano in modo analogo: moltissime persone prima di noi li hanno utilizzati per scopi spirituali, infondendogli una precisa energia della quale possiamo ancora oggi beneficiare.

I 10 principali simboli spirituali, con storia e significato

1) Hamsa

hamsa

Hamsa è una parola ebraica che significa “cinque”. Il simbolo rappresenta un amuleto che prende la forma del palmo di una mano con un occhio al centro.

Utilizzato da molte culture nel corso della storia, il suo scopo è quello di estirpare l’energia negativa e proteggere dall’“occhio malefico”, ovvero uno sguardo torvo che veniva considerato foriero di sfortuna, malattia e addirittura morte.

Molti culti religiosi hanno adottato l’hamsa come simbolo dei loro insegnamenti, inclusi il Cristianesimo, l’Islam, il Buddhismo e l’Induismo.

2) Il Fiore Della Vita

fiore della vita

Questo simbolo può essere considerato un vero e proprio capolavoro della geometria sacra.

Conosciuto per il fatto di racchiudere in sé tutte le trame della creazione, il Fiore della Vita è forse il simbolo spirituale più antico di questa lista, utilizzato fin dall’epoca dei Sumeri, il primo popolo civilizzato della storia.

Composto da sei cerchi sovrapposti tra loro e con uguale spaziatura, la figura è strutturata come un esagono e forma un disegno che ricorda un fiore.
Gli Egizi, i Romani, i Celti e persino Leonardo Da Vinci credevano fortemente nel potere speciale di questo simbolo, che evoca rinascita e speranza ed è fortemente collegato ai primi culti del sole.

3) Tao (Ying Yang)

tao yin yang

Adottato largamente negli insegnamenti di tutte le discipline ascetiche (yoga e meditazione in primis) il Tao è il simbolo principale del taoismo e rappresenta l’origine di ogni cosa. Il Tao è responsabile dell’armonia nell’universo che si realizza nella dicotomia dello Yin e dello Yang.

Questa dualità si traduce nelle forze opposte che coesistono nel mondo, come il maschile e il femminile, il giorno e la notte, la luce e l’ombra, che si bilanciano a vicenda per arrivare all’equilibrio.

Questo tipo di bilanciamento porta armonia nelle nostre vite e può essere applicato in molti campi, compresi l’alimentazione (dieta macrobiotica), l’arredamento (feng shui) e lo stile di vita Zen.

4) Pentacolo

pentacolo

Molto spesso travisato ed etichettato come simbolo satanico, il pentacolo rappresenta in realtà le cinque qualità dell’uomo: la punta superiore simboleggia lo spirito e le altre quattro gli elementi naturali (acqua, aria, fuoco, terra).

I cultori della Wicca utilizzano spesso questo simbolo nel corso delle loro cerimonie per ricordare il profondo ed inscindibile legame tra umanità e natura.

5) Ruota del Dharma

ruota dharma

Conosciuta anche come “ruota della legge”, la ruota del Dharma (Dharmacakra in sanscrito) è il simbolo buddista per eccellenza che rappresenta il cammino dell’uomo verso il Nirvana.

Ogni spicchio raffigura infatti un passo nell’Ottuplice sentiero di Buddha. Curiosamente, il simbolo è più antico del Buddismo stesso e ha avuto origine nel 2500 a.C.

6) Stella di David

stella di david

È praticamente impossibile non essere mai incappati nel simbolo sacro della religione ebraica, la Stella di David.
Molti sono convinti che rappresenti lo scudo utilizzato dal re David in battaglia, ma un’altra teoria afferma che quest’esagono sia la rappresentazione delle sei direzioni nello spazio: sopra, sotto, est, ovest, nord, sud e il più importante centro (che viene inteso come centro spirituale dell’umanità).

Esistono anche molte altre chiavi interpretative per questo simbolo, alcune delle quali lo dipingono come un disegno di geometria sacra.

7) Om

om mantra

Om è il padre di tutti i mantra recitati durante la meditazione e richiama il suono primordiale dal quale venne creato l’intero universo.

Utilizzato nell’Induismo fin dalle sue origini, Om è considerato il simbolo primario della religione stessa. La meditazione trascendentale porta naturalmente questo suono al livello della fronte, avvolgendo chi medita in una sensazione di pace universale.

8) Pesce Cristiano

pesce cristiano

Il Pesce Cristiano, o Pesce del Cristianesimo, venne usato fin dai primordi della religione cristiana come un mezzo segreto per comunicare agli altri l’appartenenza al credo e agli insegnamenti di Cristo.

Il pesce ha un forte collegamento con i racconti della Bibbia, in cui Gesù si rivolge agli apostoli dicendo loro “vi renderò pescatori di uomini”.
Questo simbolo esisteva già nei culti pagani, nei quali rappresentava invece la fertilità, la nascita e le forze femminili in generale.

9) Occhio di Horus

occhio di horus

Diffuso nell’antico Egitto, l’Occhio di Horus era usato di frequente come un amuleto portatore di sicurezza e saggezza.

Pare che il dio Horus (che goveranava il sole e la luna) perse il suo occhio sinistro durante una battaglia contro Seth, e l’occhio si divise in sei parti. Si tratta di un simbolo di prosperità, regalità e buona salute.

10) Fiore di Loto

fiore di loto

Utilizzato in svariati culti orientali, il fiore di loto è largamente conosciuto come una rappresentazione dell’illuminazione.

Questo meraviglioso fiore nasce dalle acque stagne e fangose, metafora della risurrezione e del percorso perseverante dell’umanità nel vincere le forze negative e continuare a rinascere puntando alla perfezione.

Conclusione

Ora che conosci il significato dei principali simboli spirituali puoi iniziare ad adottare quelli che senti più vicini a te nella vita di tutti i giorni, utilizzandoli come amuleti portafortuna oppure disegnandoli o dipingendoli sugli oggetti che porti con te o che decorano la tua stanza dedicata alla meditazione. Ne sentirai subito gli effetti benefici!

Lettura consigliata

Questo sito è gratuito e senza pubblicità

Tutti i contenuti sul nostro sito sono al 100% gratuiti e senza banner pubblicitari. È una scelta consapevole, per rendere la meditazione alla portata di tutti e offrirti una migliore esperienza di navigazione. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori per continuare a mantenere attivo il nostro portale, producendo sempre più articoli e risorse sulla meditazione e la crescita personale. Ecco come puoi sostenerci:

Scritto da
Altri post di Kira Vanini
Mantra: Cos’è, Come si Usa, Perché è Importante
Il mantra (मन्त्र) è uno degli ausili più comunemente adottati nella meditazione, e anche...
Continua a leggere
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *