5 Attrezzi indispensabili per praticare lo Yoga 5/5 (1)

attrezzi per lo yoga

Se hai deciso da poco di avvicinarti al mondo dello yoga, sicuramente ti stai chiedendo di cosa hai bisogno per iniziare a praticare questa antica e affascinante disciplina. Infatti, affinché ogni asana possa essere eseguita correttamente e apportare il massimo beneficio a corpo e mente, esistono numerosi attrezzi per lo yoga indispensabili anche per chi è alle prime armi.

Possedere uno o più di questi accessori spesso viene interpretato come una barriera dai neofiti, ma è in realtà un grande aiuto per una pratica ottimale: lo yoga darà i suoi frutti molto più rapidamente e con molti meni sforzi applicando questi semplici accorgimenti.

Oltre a illustrare le caratteristiche e funzioni di ogni attrezzo, in questa guida ti segnaleremo anche dove reperirli e la loro fascia di prezzo.

I 5 principali accessori per lo yoga

Il tappetino

tappetino yoga
Tappetino yoga

L’accessorio per eccellenza che ogni yogi deve possedere è senza dubbio il tappetino o materassino da yoga, utilissimo per contrastare la pressione sulle ossa mentre si eseguono gli esercizi a terra. Specialmente se hai una corporatura esile, sarà inevitabile avvertire numerosi fastidi e dolori durante le posizioni che richiedono di stare in ginocchio o sdraiati. In assenza di un sostegno adeguato, sarai molto limitato nella varietà di posizioni che potrai eseguire.

Lo spessore del tuo tappetino yoga ha molto a che fare con il comfort – se è troppo sottile, le tue ginocchia potrebbero toccare terra e provocarti fastidio nelle posizioni sedute. D’altra parte, i tappetini yoga con troppo spessore (alcuni arrivano fino a 8 mm) possono renderti più difficile percepire la connessione con il pavimento, rendendoti più traballante nelle pose in piedi.

Un tappetino standard ha uno spessore di circa 3 o 4 millimetri ed è il perfetto compromesso tra peso e stabilità se usato a casa. Per viaggiare consigliamo invece tappetini leggermente meno spessi, che si adattino meglio al trasporto in valigia e ad essere posizionati su ogni tipo di superficie.

In commercio esistono numerosi modelli ed i prezzi partono da 10-15 euro, ma fate attenzione al materiale: molti dei tappetini più economici sono difatti prodotti con materiali tossici (come il PVC) e di forte impatto sull’ambiente. Per questo motivo vi consigliamo di investire in un materassino leggermente più costoso ma che sia in grado di garantirvi il massimo comfort e sia realizzato con materiali ecologici e ipollaergenici, come il TPE (Termo Polimeri Espansi) e la gomma naturale:

Il blocco da yoga

blocco yoga
Blocco yoga (credits: yogabycandace.com)

Chiamati anche mattoni, questi accessori per lo yoga sono un enorme aiuto nella pratica sia per il principiante che per lo yogi esperto. Per i principianti, i blocchi di yoga possono essere utilizzati come sostegno quando la flessibilità non è ancora abbastanza sviluppata, come si vede nella posa qua sopra. Per gli yogi più avanzati, il blocco si utilizza in una vasta gamma di asana come sostegno aggiuntivo per l’equilibrio, ad esempio nella posizione del triangolo.

Il punto chiave da ricordare quando si utilizza un blocco sotto le mani è di non affondare o appoggiare la mano sul blocco, ma piuttosto mantenere le dita aperte e usare la mano come una sorta di ventosa. Questo impegna i muscoli nelle mani e nelle braccia e aiuta il corpo ad allungare i muscoli obliqui e il muscolo psoas.

Esistono numerose tipologie di blocchi da yoga, con forme e colori diversi, realizzati in vari materiali, il cui costo per un blocco parte da circa 10 euro.

Noi vi consigliamo di partire con un blocco in sughero, un materiale leggero e ipoallergenico, adattissimo a chi è alle prime armi:

Il cuscino

cuscino zabuton

Anche i cuscini sono molto importanti quando si decide di iniziare a praticare yoga – insieme al tappetino fungono infatti da ausilio per le posizioni sedute, consentendoci di mantenerle più a lungo e non stancare eccessivamente gambe, ginocchia e schiena.

Il cuscino più diffuso è lo zafu (usato anche per la meditazione, ne abbiamo parlato ampliamene in questa guida) che ha una forma rotonda, uno spessore di circa 13 centimetri ed è solitamente riempito con semi di grano saraceno biologici. Per molte persone l’altezza dello zafu standard è più che sufficiente per una seduta confortevole e come appoggio per alcune posizioni sdraiate. Altri tipi di cuscini hanno una forma rettangolare, quadrata o a mezzaluna e vengono sempre impiegati quando si ha la necessità di non poggiare le articolazioni o il corpo direttamente sul tappetino.

Il prezzo di un buon cuscino zafu parte dai 20 euro.

Un’ottima alternativa al classico zafu è il cuscino ortopedico gonfiabile, che sta spopolando negli ultimi tempi per la sua versatilità di utilizzo (oltre ad essere impiegato nello yoga, è indicato per tutti i tipi di ginnastica). Lo si può acquistare su Amazon:

La lota

Neti Lota
Neti Lota

Tra gli accessori yoga indispensabili per uno yogi c’è anche la lota, un recipiente conosciuto anche come neti lota che viene utilizzato per la pulizia del naso con l’acqua, pratica chiamata Jala Neti, una delle principali in materia di purificazione.

Utilizzare questo accessorio è semplice: è sufficiente riempirlo con acqua tiepida, salarla con sale dell’Himalaya (la dose consigliata è un cucchiaino ogni 400/500 millilitri di acqua) e poggiare il beccuccio sulla narice sinistra inclinando leggermente la testa verso destra di modo che l’acqua possa fluire all’interno delle narici senza arrivare alla gola. Una volta rimossa la lota, soffia il naso per liberarlo e ripeti il procedimento dall’altra narice. È possibile acquistare questo accessorio in erboristeria oppure online e i prezzi partono da circa 15 euro.

La panca da yoga

Panca yoga
Panca yoga

Per determinate posizioni, specie se hai problemi di equilibrio, potresti avere bisogno di una panca o uno sgabello studiati appositamente per gli yogi, in grado di garantirti un sostegno adeguato senza lasciarti andare ad un eccessivo rilassamento o compromettere la tua stabilità.  La panca è la soluzione ideale anche per chi ha difficoltà a mantenere la testa dritta durante le asana a causa dei problemi di cervicale. È un accessorio estremamente versatile e può essere utilizzato in un’enorme varietà di esercizi anche al di fuori dello yoga.

Alcune panche sono dotate di cuscino per un migliore appoggio, altre sono più minimali, leggere e adatte al trasporto. Il prezzo per una buona panca, in legno o in acciaio, si aggira intorno agli 80 euro.

Questi appena elencati sono i principali attrezzi yoga che non possono mancarti se hai deciso di iniziare a praticare questa disciplina – potrai ovviamente dotarti di altri oggetti utili, come la borsa porta tappetino, fasce, bracciali e tanti altri strumenti utili che si integrano con la filosofia applicata a questa disciplina, sempre più amata da chi è in cerca di uno stile di vita sano ed equilibrato.

Scritto da
Altri post di Chiara Moretti

Pratyahara, il controllo dei sensi secondo lo yoga

Pratyahara significa “controllo dei sensi” ed è una pratica yoga che può...
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *