Brahman, il Principio Supremo dell’Induismo

Brahman è la Realtà Ultima, il mare della coscienza cosmica descritto nell’induismo e nel sistema yogico.

Brahman (ब्रह्म) è un concetto chiave nell’induismo e viene considerato la più alta forma energetica di questa religione.

Si tratta della realtà immutabile, infinita, immanente e trascendente che è il fondamento divino di tutte le cose in questo universo.

In questo articolo indaghiamo la natura più profonda di Brahman, per comprendere meglio le origini e l’energia di questo principio supremo e assoluto.

Cos’è Brahman?

energia cosmica

Brahman è il tema centrale di quasi tutte le Upanishad, antiche scritture che costituiscono la dottrina filosofica del Vedanta.

Si tratta del principio indescrivibile, inesauribile, onnisciente, onnipresente, originale, primo, eterno e assoluto che è senza inizio, senza fine, che è nascosto in tutto e che è la causa, la fonte, il materiale e l’effetto di tutta la creazione conosciuta, sconosciuto e che deve ancora accadere nell’intero universo.

Questa definizione può sembrare incredibilmente contorta, ma è importante per comprendere la profonda differenza tra Brahman e le altre divinità induiste: queste ultime, infatti, sono quasi sempre personificate in una figura antropomorfa o semi-umana. Rappresentano per lo più aspetti diversi dell’energia dell’uomo e sono in un certo senso metafore del nostro cammino di vita.

Brahman, al contrario, è un principio molto più ampio e astratto. È incomprensibile anche a quasi tutti gli déi. Sceglie inoltre di non essere adorato nei templi e in altri luoghi di culto, bensì nel cuore e nella mente. È troppo remoto e incomprensibile per essere venerato e avvicinato con suppliche personali, sebbene sia la visione più profonda e più alta che l’umanità possa mai concepire o raggiungere.

Le Upanishad lo descrivono come l’Unico e indivisibile, eterno sé universale, che è presente in tutti e in cui tutti sono presenti.

Cosa significa Brahman?

brahman nell'induismo

In sanscrito, Brahman è definito come satyam jnanam anantam brahma, che può essere tradotto come “ciò che non cambia mai”, “conoscenza” o “infinito”.

La parola Brahman deriva dalla radice sanscrita brh, che significa “crescere o espandersi”. Brahman è inteso come ciò che cresce e che a sua volta fa crescere altre cose. È la fonte onnipresente ed eterna di tutto ciò che esiste nell’universo, ed è quindi presente in ogni cosa; ogni persona, ogni molecola e ogni atomo.

Le scuole dualistiche come il Dvaita Vedanta credono che il Brahman sia distinto dall’Atman (l’anima individuale), mentre le scuole non dualistiche come l’Advaita Vedanta insegnano che Brahman e Atman sono la stessa cosa, contenuti l’uno nell’altro.

Nel contesto dello yoga, brahman è una comprensione che lo yogi spera di raggiungere attraverso la pratica di asana, pranayama, mantra e meditazione.

Differenza tra Brahman e Brahma

brahma e brahman

Forse avrai sentito parlare del dio Brahma e ti starai chiedendo se si tratta dello stesso concetto.

Brahma e Brahman sono due entità separate, sia nella dottrina del Dharma che nella filosofia indù in generale.

Mentre Brahma è descritto come una divinità a quattro facce nelle antiche scritture indù, Brahman è considerato un concetto, definito come l’Entità Suprema. Il Brahman si manifesta in questo mondo attraverso la vita, mentre Brahma è un’entita distinta e osservabile.

Origini

preghiera indu

Nei Veda

Inizialmente, la parola “Brahman” era considerata nel Rig veda un sostantivo neutro che denota un’attività di preghiera.

La parola allude all’assoluta grandezza del potere della preghiera sperimentato dall’individuo che adora mentre canta parole sacre. Brahman è qui descritto come il fulcro del sacrificio, con conseguente unione dell’umanità, della divinità e dell’universo fisico.

Anche in virtù di questo significato originale del Brahman, i testi vedici mostrano concetti che predicono le successive formulazioni della parola “Brahman” come fondamento monistico dell’universo.

Mentre i testi vedici iniziali sono generalmente incentrati sul ritualismo, c’è una forte implicazione del fatto che i saggi vedici fossero consapevoli di una verità unificata più profonda alla base di una serie di forme fisiche e manifestazioni divine.

Nelle Upanishad

Nelle Upanihad, “Brahman” diviene il principale termine per riferirsi all’unità collettiva.

In questi testi, molte delle cerimonie esterne dei Veda iniziali vengono rivolte all’interno, sostituendo i sacrifici fisici con immagini rappresentative e con il “calore interiore” della meditazione. Non è una sorpresa, quindi, che la descrizione del Brahman diventi qui molto più astratta.

Nelle Upanishad, Brahman inizia ad accettare un significato cosmologico che non aveva nei Veda, poiché arriva ad etichettare il codice causale impersonale che permea l’universo. In origine si credeva anche che Brahman fosse la somma totale di tutto ciò che è, è stato o sarà mai, incorporando l’anima umana, o Atman.

Si pensava che anche le singole divinità (che avevano un ruolo vitale nel primo induismo vedico) fossero varie forme di Brahman. Nonostante queste definizioni così dettagliate, Brahman è etichettato come indescrivibile nelle Upanishad. A causa della natura enigmatica del Brahman, è meglio definito da ciò che non è.

La relazione tra Atman e Brahman

atman e brahman, donna che medita in india

La relazione tra Atman e Brahman, o la questione se Atman (l’anima umana) sia o meno Brahman, è stata affrontata in modo diverso da diverse scuole di pensiero religioso nell’antica India. Di seguito è riportato un riassunto di come questa relazione è stata interpretata in passato da varie scuole di induismo, giainismo e buddismo.

  1. Tutto è Brahman. Non c’è nient’altro che Brahman. Esso è la causa di tutte le cause. È anche chiamato Atman. In realtà non c’è distinzione tra i due. Atman è un altro nome di Brahman o un costrutto mentale che usiamo per dare un senso al Brahman come al sé degli esseri individuali. Possono esistere molti esseri nella creazione, ma c’è un solo Brahman in tutti loro. Il mondo fenomenico è irreale. È un’illusione o un’apparizione, che scompare quando vinciamo la nostra ignoranza e realizziamo il vero stato del Brahman.
  2. Tutto è Brahman. Brahman è tutto. Esso è la causa di tutte le cause. Tuttavia Brahman e Atman non possono essere interpretati come la stessa cosa. C’è una sottile differenza. La loro relazione è di bheda-abheda (diversa, ma anche la stessa). I sé individuali esistono nel Brahman condividendo la stessa coscienza, ma apparendo come entità separate. Gli esseri individuali vengono illusi dopo essere entrati in contatto con gli elementi e le qualità della natura. Quando superano le illusioni, riacquistano la loro vera coscienza. Si uniscono al Brahman e non esistono più come entità individuali.
  3. Brahman e i sé individuali esistono come entità separate che condividono la stessa coscienza. Brahman non è la causa della loro creazione. Gli esseri individuali coesistono eternamente con Brahman. Non diventano mai uno con Brahman.
  4. Brahman non esiste. Ma i sé individuali esistono. Questi sé individuali sperimentano l’illusione dei limiti nel mondo fenomenico. Quando superano l’illusione, riacquistano il loro stato puro e continuano la loro esistenza come esseri liberati.
  5. Un essere assoluto o una causa delle cause non esiste o può non esistere. Gli esseri sono anatman, cioè non hanno anime che sono di natura eterna e assoluta. Gli esseri vengono all’esistenza attraverso l’aggregazione di elementi e qualità che risultano nella formazione di corpi e coscienza. L’illusione dell’individualità (ego o sé) è soggetta al divenire, al cambiamento e alle leggi del karma. È come il modo in cui il vapore acqueo o le nuvole appaiono in uno spazio vuoto e assumono molte forme e stati a causa di una varietà di circostanze e dell’azione degli elementi. Quando gli esseri trascendono il processo di divenire e cambiare attraverso il distacco e la consapevolezza, entrano in uno stato di libertà dal divenire e dal cambiare che è chiamato nirvana o kaivalya. Questo punto di vista è sostenuto nelle scuole atee o materialiste (nastika vada o lokayata).

Conclusione

Brahman nell’induismo è comunemente osservato come la radice di tutto ciò che esiste nell’universo, il tessuto energetico fondamentale di tutti gli esseri.

Anche se comprendere la sua natura più profonda è pressoché impossibile, indagare quest’energia ci aiuta a dispiegare le fila dell’induismo e assimilare più a fondo l’essenza di alcuni concetti chiave legati allo yoga e alla meditazione.

Ognuno di noi può immaginare e interpretare Brahman a modo suo: il fatto che non si tratti di un dio personificato lascia spazio all’indagine personale, apre la nostra mente ai possibili collegamenti con l’Atman e ci invita a trovare il nostro personalissimo Brahman, perfettamente in linea con la visione che abbiamo del mondo e delle sue origini.

Letture consigliate

Induismo. Ediz. illustrata
  • Boccali, Giuliano (Autore)
Miti e dèi dell'India
  • Daniélou, Alain (Autore)

Questo sito è gratuito e senza pubblicità

Tutti i contenuti sul nostro sito sono al 100% gratuiti e senza banner pubblicitari. È una scelta consapevole per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori per continuare a mantenere attivo questo portale, producendo sempre più articoli e risorse sulla meditazione e la crescita personale. Ecco come puoi sostenerci:

Scritto da
Altri post di Raul Baqueiro
Shadow Work: Cos’è il lavoro sull’ombra e come ci aiuta a crescere
Tutti noi abbiamo dei demoni interiori. A volte ne intravediamo una piccola...
Continua a leggere
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *