Manipura, il Terzo Chakra: tutti i segreti del plesso solare 5/5 (24)

manipura terzo chakra

Manipura è il nome del terzo chakra, anche conosciuto come chakra del plesso solare.
Come il nome stesso suggerisce, questo chakra si trova nella zona del nostro plesso solare, ovvero tra l’ombelico e lo sterno, subito sotto il diaframma. Il suo nome in sanscrito significa “la città del gioiello splendente”, in riferimento al nostro ego e alla realizzazione personale.
7 chakra significatoIl chakra Manipura è collegato infatti ai nostri sogni, desideri ed ambizioni, e governa l’accettazione di noi stessi, l’autostima e il rapporto con gli altri.
Viene raffigurato da un fiore di loto con dieci petali gialli che rappresentano le dieci nadi da cui si origina il chakra. Al centro del fiore c’è un triangolo rosso rovesciato con la sillaba Ram inscritta al suo interno.

Le caratteristiche del terzo chakra

L’elemento che rappresenta il terzo chakra è il fuoco ed il colore che gli viene associato è il giallo, fortemente legato all’energia solare e al metaforico splendore dell’autorealizzazione.
Questo Chakra è anche associato al potere personale, alla fiducia in noi stessi e in generale tutto ciò che ha a che fare con l’ego e la realizzazione dei propri obiettivi.

Quando il terzo chakra è bloccato, le conseguenze coinvolgono principalmente la nostra visione della vita: questa ci appare deludente, poco appagante, senza nessun incentivo o forte motivazione ad andare avanti. Si rischia di cadere nella depressione e nell’apatia, lasciando che il pessimismo prenda il sopravvento e stronchi sul nascere ogni volontà di cambiamento. Le persone eccessivamente timide o introverse e quelle che avvertono costantemente un senso di inadeguatezza hanno spesso problemi proprio a livello di questo chakra. Il chakra Manipura è quasi sempre bloccato in chi soffre della sindrome dell’impostore, che ci induce a pensare che ogni nostro successo sia stato causato dall’aver ingannato gli altri inducendoli a crederci migliori di ciò che siamo in realtà.

Non intervenire su un blocco del terzo chakra può portarci ad incorrere in gravi problemi di depressione ed esaurimento nervoso,  e alla lunga coinvolgere anche gli organi interni associati alla regione del plesso solare, in primis il pancreas e lo stomaco, portando ad accumuli di grasso sottocutaneo e problemi di digestione.

Scheda riassuntiva del terzo chakra Manipura


manipuraPosizione:
 Plesso solare
Funzione: Espansività, consapevolezza della vita, azione, volontà e piacere
Colore: Giallo
Elemento: Fuoco
Senso: Olfatto
Cristalli e pietre: Tutte le pietre gialle, in particolare la Calcite, il Citrino e il Topazio
Mantra: Ram
Nota: Mi
Animali: Ariete, simbolo del fuoco

Esercizi per riequilibrare il terzo chakra

Il modo migliore per mantenere aperto e bilanciato il terzo chakra è spendere le nostre energie per migliorare l’immagine che abbiamo di noi stessi, a partire dall’esterno (vestirci bene, curarci,  praticare sport) fino alla sfera emotiva e intellettuale (riconoscere i nostri successi, tenere un diario delle cose portate a termine, porsi degli obiettivi per migliorare la propria vita). Coltivare le nostre abilità e talenti, magari iscrivendoci a qualche corso o buttandoci in un nuovo hobby che ci aiuti a distrarci, è sempre consigliabile. Un altro esercizio molto utile è quello di trovare conferme delle nostre qualità nelle parole altrui – coinvolgendo amici, familiari e conoscenti per farci aiutare ad estirpare i nostri dubbi e avere un parere esterno su come realmente veniamo percepiti da chi ci sta vicino.

A livello di Hatha Yoga, ecco invece gli asana che possono aiutarci a sbloccare il chakra Manipura:

Agnisāra Kriyā

Spesso il nostro fuoco interno è debole e poco nutrito. Il nostro modo di vivere e il cibo che mangiamo sono per lo più paragonabili a combustibile di qualità inferiore che produce principalmente fumo, che tende a soffocare le fiamme piuttosto che nutrirle. Agnisāra Kriyā accende il fuoco del Manipura Chakra e dona vitalità ed energia. Questo asana dovrebbe sempre e solo essere praticato a stomaco vuoto, e quindi il momento migliore è al mattino prima di fare colazione.

Ecco come eseguire l’esercizio:

  1. Mettetevi in ​​posizione eretta, con i piedi leggermente divaricati, e inspirare profondamente attraverso il naso nella zona addominale.
  2. Piegate le ginocchia leggermente e posizionate le mani su di esse; Allo stesso tempo espirate attraverso la bocca.
  3. Ora tendete e rilassate i muscoli dell’addome più rapidamente che potete, possibilmente senza respirare, per 10-20 volte.
  4. Inspirate ancora una volta, rimettetevi in posizione eretta e fate 2-3 respiri profondi, rilassandovi. Quindi ripetete l’esercizio per altre due volte.

Così come il fuoco viene alimentato dai soffietti, Manipura Chakra viene costantemente stimolato da questo esercizio. Con la pratica quotidiana eventuali strati superflui di grasso sottocutaneo intorno all’addome scompariranno, insieme a problemi circolatori e digestivi. Eventuali problemi collaterali come mal di testa, stanchezza, scarsa concentrazione o mancanza di desiderio svaniranno al contempo.

Nauli Kriyā

Dopo aver praticato Agnisāra Kriyā ogni giorno per almeno tre mesi si può iniziare a praticare Nauli Kriya. Questa pratica può essere appresa solo sotto la guida di un insegnante di Yoga, per cui vi sconsigliamo di eseguirla da autodidatti.

La tecnica di Nauli consiste in diversi esercizi di respirazione e movimenti attraverso i quali l’intestino e gli organi del basso ventre vengono accuratamente massaggiati, e con la pratica quotidiana numerose malattie legate a quest’area possono essere prevenute.

Per scoprire altri esercizi utili a bilanciare il chakra del plesso solare, visita il nostro articolo dedicato.

Scopri i sette chakra

    giallo chakra    blu chakra  chakra indaco

Scritto da
Altri post di Serena Poli

Posizione del loto (Padmasana): tutto quello che devi sapere

Oggi scopriremo tutti i segreti e benefici della posizione del loto, il...
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *