La Posizione in cui Dormi Influenza il tuo Benessere: Ecco Come

Scopri in che modo la posizione in cui dormi può influire sulla tua salute e cosa puoi fare per migliorare la qualità del tuo sonno.
posizione per dormire

Il sonno è essenziale per il nostro benessere mentale e fisico. Una buona notte di risposo può davvero fare la differenza tra una giornata in cui siamo carichi di energia e una in cui è difficile portare avanti anche i compiti più semplici.

Una componente del sonno che influisce significativamente sul benessere (e a cui non molte persone fanno caso) è la posizione in cui ci sistemiamo quando ci infiliamo nel letto la sera. Alcune persone preferiscono dormire supine, altre su un fianco, altre ancora a pancia in giù.

Sebbene ogni posizione per dormire abbia i suoi vantaggi e svantaggi, alcune posizioni potrebbero essere migliori rispetto ad altre a seconda dei tuoi specifici problemi di salute.

In questo articolo scopriamo i fattori che influenzano la posizione in cui dormiamo e approfondiamo gli aspetti positivi e negativi delle posizioni più comuni.

Quali fattori influenzano la posizione durante il sonno?

posizioni sonno

Probabilmente conosci la posizione in cui ti piace addormentarti. È saldamente ingranata nelle tue abitudini ed è parte della tua routine.

Tuttavia, la ricerca scientifica ha dimostrato che diversi fattori influenzano la nostra posizione preferita per dormire.

Anche se tutti ci muoviamo durante il sonno, le persone tra i 20 ei 34 anni si muovono di più rispetto a quelle sopra i 35 anni e gli uomini tendono a cambiare posizione più frequentemente delle donne.

Gli aspetti positivi e negativi delle diverse posizioni del sonno

Quando siamo giovani e sani la posizione in cui dormiamo non ci causa molte conseguenze, ma con l’avanzare dell’età può diventare sempre più importante per il nostro benessere fisico.

Dormire in una posizione piuttosto che in un’altra può fare la differenza in determinati problemi di salute come il reflusso acido, il mal di schiena o l’apnea notturna, un disturbo in cui un individuo smette di respirare per 10 secondi o più durante il sonno.

Ecco gli aspetti positivi e negativi di ciascuna delle principali posizioni del sonno e come puoi sfruttarle a tuo vantaggio in base alla tua condizione fisica.

Supina

posiziona supina

Gli esperti indicano che la posiziona supina (ovvero a pancia in su) è la migliore per il benessere generale, in quanto mantiene il peso distribuito uniformemente su tutto il corpo durante il sonno.

Ciononostante, non è particolarmente popolare: solo il 18% degli intervistati in un sondaggio del Better Sleep Council ha riferito di dormire in questa posizione.

Aspetti positivi

Per le persone che soffrono di dolori alla cervicale e alcuni tipi di mal di schiena, la posizione supina può offrire sollievo assicurando che la colonna vertebrale rimanga allineata.

Anche chi è affetto da congestione nasale causata dalle allergie può provare più sollievo a pancia in su piuttosto che in altre posizioni. Questo perché dormire sulla schiena può aiutare a drenare il naso e mantenere aperte le vie respiratorie.

Aspetti negativi

Tuttavia, dormire sulla schiena non giova a tutti allo stesso modo.

Le persone che soffrono di ernia del disco potrebbero scoprire che questa posizione può peggiorare il loro dolore. Per evitare che accada, puoi sostenere le ginocchia con un cuscino che consenta alla colonna vertebrale di assumere la sua curvatura naturale. Questo toglie la pressione dalle vertebre e può aiutare a diminuire il dolore.

Dormire sulla schiena è considerata la posizione peggiore per chi russa o soffre di apnee notturne, perché può far ricadere la lingua in gola, restringendo le vie respiratorie e aumentando la gravità dei sintomi.

Inoltre, le persone con reflusso acido tendono a sperimentare un aumento della frequenza degli episodi quando dormono sulla schiena.

Sul fianco

dormire di fianco

Secondo il sondaggio del Better Sleep Council, due terzi degli intervistati preferiscono dormire su un fianco. Fortunatamente, questa posizione offre anche una serie di vantaggi.

Aspetti positivi

Il sonno su un fianco può aprire le vie respiratorie, il che aiuta ad alleviare il russare e altri problemi respiratori, inclusa l’apnea notturna.

È anche utile per alleviare il mal di schiena. Se soffri di dolori alla schiena o all’anca, mettere un cuscino tra le gambe in questa posizione può essere particolarmente utile.

Ci sono anche prove che suggeriscono che dormire sul lato sinistro con la testa leggermente sollevata può aiutare ad alleviare il reflusso acido, mentre dormire sul lato destro può peggiorare questa condizione.

D’altra parte, dormire sul lato destro è l’ideale per coloro che soffrono di problemi cardiaci.

Questa è anche considerata la posizione ideale per le donne incinte, in quanto allevia la pressione della gravidanza sul corpo e consente un migliore flusso sanguigno.

Aspetti negativi

Nonostante i molti aspetti positivi del dormire su un lato, ci sono anche diversi aspetti negativi.

Dormire sul fianco può causare dolore alla spalla, anche se potresti essere in grado di ridurre al minimo questo problema scegliendo un cuscino e un materasso che garantiscano che i fianchi e le spalle siano ben livellati.

Inoltre, se non cambi posizione durante la notte, la pressione creata dallo stare su un fianco troppo a lungo può portare a un peggioramento della circolazione sanguigna, causando intorpidimento delle braccia e delle gambe.

A pancia in giù

dormire a pancia in giù

Dormire a pancia in giù è considerata la posizione peggiore. Fortunatamente, il sondaggio del Better Sleep Council ha rilevato che è la posizione per dormire meno popolare, con solo il 17% degli intervistati che la indica come la propria preferita.

Aspetti positivi

Anche se dormire a pancia in giù non è raccomandato per la maggior parte delle persone, può essere una buona scelta per coloro che vogliono frenare il russare o alleviare i casi lievi di apnea notturna.

Aspetti negativi

Dormire sullo stomaco è considerata la posizione peggiore perché porta alla peggiore postura del corpo.

Quando dormi a pancia in giù, devi girare la testa di lato per respirare, il che fa perdere l’allineamento della colonna vertebrale. Questo può portare a dolori al collo e alla parte bassa della schiena.

Dormire a pancia in giù comporta anche una maggiore agitazione notturna, il che può ridurre la qualità del sonno.

Inoltre le persone che dormono in questa posizione premono spesso la faccia contro il cuscino, per questo hanno maggiori probabilità di sviluppare rughe facciali.

Dormire a pancia in giù può anche aumentare significativamente la pressione interoculare, un fattore di rischio per il glaucoma.

Quale posizione per dormire è la migliore?

Se ritieni di sentirti a tuo agio nella posizione in cui dormi attualmente, sei costantemente ben riposato e non hai altri problemi di salute, allora non c’è alcun motivo di modificare la tua posizione abituale, a condizione che tu sia consapevole dei suoi potenziali aspetti negativi.

D’altra parte, se scopri che la posizione che stai assumendo peggiora le tue condizioni di salute, disturba il tuo sonno e ti lascia intontito durante il giorno, potresti provare a cambiare posizione.

In definitiva, la migliore posizione per dormire è quella che ti consente di dormire a sufficienza e ti garantisce una buona qualità del sonno, senza peggiorare i tuoi problemi di salute.

Letture consigliate

Fonti e riferimenti

  • Skarpsno ES, Mork PJ, Nilsen TIL, Holtermann A. Sleep positions and nocturnal body movements based on free-living accelerometer recordings: Association with demographics, lifestyle, and insomnia symptoms. Nat Sci Sleep. 2017;9:267-275. doi:10.2147/NSS.S145777
  • The Better Sleep Council. Starfish or Freefall? What Your Sleep Position Can Tell You. 2017.
  • Suni E. Best Sleeping Positions. Sleep Foundation. 2022.
  • Katz LC, Just R, Castell DO. Body position affects recumbent postprandial reflux. J Clin Gastroenterol. 1994;18(4):280-283. doi:10.1097/00004836-199406000-00004
  • Pan H, Xu Z, Yan H, et al. Lying position classification based on ECG waveform and random forest during sleep in healthy people. Biomed Eng Online. 2018;17(1):116. doi:10.1186/s12938-018-0548-7

Ultimo aggiornamento 2024-03-04 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Questo sito è gratuito e senza pubblicità

Tutti i contenuti sul nostro sito sono al 100% gratuiti e senza banner pubblicitari.

È una scelta consapevole per offrirti una migliore esperienza di navigazione.

Contiamo sull’aiuto dei nostri lettori per continuare a mantenere attivo questo portale, producendo sempre più articoli e risorse sulla meditazione e la crescita personale.

Ecco come puoi sostenerci:

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *