Riflessologia facciale vietnamita: una tecnica semplice per il benessere

riflessologia facciale vietnamita

La riflessologia facciale vietnamita, anche detta Dien Chan in Vietnam, Paese nel quale è nata, è una tecnica di stimolazione della zona del viso.

Ancora non ampiamente conosciuta in Italia, è una disciplina che parte dal presupposto che sul nostro volto siano riflessi tutti i nostri organi, così come il nostro sistema scheletrico. Ogni parte del corpo riflette l’insieme dell’organismo, ad ogni organo corrisponde un punto riflesso in una specifica parte del viso. Su questo principio si basa la medicina orientale, in un’ottica quindi di visione olistica dell’essere umano.

La guarigione vera non può essere che olistica, cioè della persona nella sua totalità. Impariamo fin da ora a prenderci cura del nostro corpo nel suo insieme, e non consideriamone soltanto le parti indebolite: i buoni risultati non si faranno attendere!
(tratto dal volume Dien’ Chan’)

A cosa serve la riflessologia facciale vietnamita

dien chan
credits: lotuscity.fo.ru

Il viso concentra tutte le zone riflesse del corpo ed è lo specchio di tutti i dolori. La stimolazione di tali zone rilassa il sistema nervoso e permette alle energie vitali di fluire liberamente, portando benessere e guarigione all’intero organismo.

La riflessologia facciale Dien Chan risulta molto utile per curare diversi tipi di disturbi, tra i quali:

  • Cefalee
  • Mal di schiena
  • Dolore cervicale
  • Sinusite
  • Difficoltà digestive
  • Dolori mestruali
  • Disturbi osteoarticolari
  • Ansia e attacchi di panico

Ciononostante l’utilizzo primario che se ne fa – almeno in Occidente – è quello di prevenzione e di “riequilibrio energetico”.
Anche se spesso per problematiche comuni e non gravi risulta essere risolutiva, per patologie più importanti può tranquillamente essere affiancata a terapie più tradizionali, senza controindicazioni.
Un ulteriore beneficio è riscontrabile sui segni dell’invecchiamento: grazie alla micro stimolazione effettuata, la pelle ritrova più elasticità e i segni dell’età possono attenuarsi.

Come si pratica

riflessologia facciale vietnamita

Agendo con dei piccoli movimenti su determinati punti possiamo riequilibrare l’organo o apparato corrispondente e ripristinare un corretto flusso energetico nel corpo.
L’agopuntura, che è una delle discipline più praticate in Asia, risulta affine alla riflessologia facciale, ma in quest’ultima non si impiegano aghi: si possono invece utilizzare degli strumenti specifici (chiamati “cercapunti”) o semplicemente le nocche delle dita, oppure il retro di una penna con punta arrotondata.
La stimolazione può essere eseguita facendo dei movimenti circolari e/o orizzontali e verticali. La pressione esercitata non deve essere esagerata (non dovete sentire male, è una tecnica che come primo effetto ha il rilassamento!) ma neanche troppo lieve, quindi premete in modo da sentire tale pressione.

Di seguito qualche indicazione per trattare il disturbo comune della cervicale:

  • Stimolate con movimenti verticali ed orizzontali la fronte, all’attaccatura dei capelli.
  • Insistete sia sulla parte destra della fronte che quella sinistra per un paio di minuti.
  • Procedete poi in mezzo alle sopracciglia e all’inizio del naso. Non vi preoccupate qualora la zona trattata si arrossasse lievemente, è del tutto normale.
  • Continuate per qualche minuto finché il vostro fastidio non si allevia.

La mia esperienza con la riflessologia facciale

Mi sono avvicinata alla riflessologia facciale alcuni anni fa, dopo aver provato un mini trattamento durante una dimostrazione ad una fiera sull’olismo e ne sono rimasta affascinata.
Oltre alla sua rapidità ed efficacia, mi piace che sia una disciplina che dà libertà a chi la pratica:

  • Non c’è bisogno di un lettino o di essere sdraiati
  • Il trattamento può durare anche solo pochi minuti
  • Non necessita dell’ausilio di un operatore. Una volta apprese le basi della tecnica (ci sono molti libri in commercio e altrettanti corsi base della durata di un weekend) si può già procedere a trattare gli altri ed auto trattarsi in qualunque luogo e momento della giornata

Tutt’oggi la pratico, semplicemente per rilassarmi o quando devo agire su determinati sintomi fastidiosi a livello corporeo.
È un bellissimo gesto di attenzione verso me stessa a cui non rinuncio 🙂

Lettura consigliata

Dien Chan
  • Truong Thi My Le
  • Editore: Youcanprint
  • Copertina flessibile: 292 pagine

Scritto da
Altri post di Giulia Porro

3 lezioni per essere felici, imparate in Vietnam

Scrivo questo articolo di ritorno da una meravigliosa escursione sul fiume Mekong....
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *