I sintomi dello stress: quali sono, come riconoscerli e come alleviarli

sintomi dello stress

Stress e ansia sono due dei principali e più diffusi “mali” del nostro secolo.

Annoverati tra le cause di maggior malessere nella quotidianità delle persone, sono spesso dovuti ai ritmi concitati che la società ci impone oppure scatenati da periodi ed episodi particolarmente intensi. Ma conosciamo davvero le conseguenze dello stress? Sappiamo identificare i sintomi ed alleviarli?

In questo articolo vediamo quali sono i maggiori e più diffusi sintomi dello stress, cercando di capire perché si manifestano e come porvi rimedio in modo naturale e consapevole.

L’importanza di conoscere i sintomi dello stress

lato ombra

I disagi psicofisici a cui lo stress espone l’organismo sono così tanti e vari che spesso si è inclini ad attribuire ad esso qualsiasi tipo di manifestazione di dolore, fastidio o disagio del nostro corpo.

Mal di testa, stanchezza, mialgia diffusa, cattiva digestione, nausea e perdita di peso sono solo alcuni dei tanti disturbi che possono essere causati dallo stress.

Tuttavia non dobbiamo fare l’errore di ricondurre all’ansia e allo stress qualsiasi tipo di sintomatologia. Entrambi sono fenomeni ben precisi, con dinamiche e rapporti causa-effetto inquadrabili razionalmente e sui quali esistono decenni di studi psicoanalitici.

Capire queste dinamiche e conoscerne con precisione i sintomi ci aiuterà a ricondurre le giuste responsabilità allo stress e a isolare i casi in cui, invece, è utile approfondire la diagnosi per escludere altre possibili cause.

I principali sintomi dello stress

donna di schienza che si prende la testa tra le mani

Stanchezza

Lo stress causa spesso un forte stato di stanchezza che (nei casi più estremi) può anche portare anche alla depressione.

La stanchezza a volte si traduce in una forte cefalea, il cosiddetto mal di testa, che può essere accompagnato da vertigini, specialmente se si ha la sensazione di essere particolarmente stanchi. In generale l’impressione è quella di non essere lucidi e di non riuscire a compiere azioni con precisione e acume.

Sonno disturbato

Insieme alla scarsa produttività possono verificarsi episodi di sonno disturbato e alterazione del ciclo sonno/veglia. Non è raro, in caso di ansia e stress, addormentarsi con difficoltà; e nel momento in cui si riesce ad addormentarsi, spesso si cade in un sonno leggero e non riposante, per cui il giorno dopo continua e aumenta la sensazione di stanchezza generalizzata.

Mialgia diffusa

Lo stress può provocare, in alcuni casi, episodi di mialgia diffusa: si tratta di un dolore muscolare generico, non precisamente localizzabile, che interessa varie parti della muscolatura (arti, addome, collo e spalle…).

Disturbi della digestione

Ansia e stress sono responsabili anche di possibili disturbi digestivi, che a loro volta possono scatenare una catena di reazioni avverse, dal reflusso gastroesofageo all’acidità di stomaco, dal gonfiore addominale a flatulenza e aerofagia. Non è raro anche soffrire di nausea e chiusura di stomaco, dovuta a una minore tolleranza a vari alimenti.

Estremità fredde

Può sembrare incredibile, ma lo stress influisce anche sulla micro circolazione del sangue. Vi è mai capitato di trovarvi inspiegabilmente con le estremità degli arti fredde? Si intorpidiscono mani e piedi? L’organismo risente dello stress e manifesta il proprio disagio anche in questo modo.

Oscillazioni di peso e calo dell’appetito

In tema di manifestazioni più a lungo termine (ma non troppo) può accadere di notare una significativa perdita di peso o, al contrario, un improvviso aumento. Se non ci sono radicali cambiamenti nello stile di vita o nel regime alimentare, domandatevi se queste oscillazioni – che diventano preoccupanti se avvengono nel giro di pochi giorni o se non accennano a scomparire – non siano causa di uno stato mentale alterato dallo stress. In molti casi si verifica anche un sensibile calo dell’appetito.

Ipertensione e tachicardia

Infine, in alcuni soggetti particolarmente sensibili, lo stress può essere causa di ipertensione e in particolare di episodi di tachicardia, respiro affannato o apnea involontaria. Queste manifestazioni sono piuttosto gravi e devono essere oggetto di un parere medico.

Come alleviare i sintomi dello stress

respiro yoga

Per capire come porre rimedio ai sintomi dello stress è necessario fare luce sulla causa del prolungato stato di disagio, responsabile di molti sintomi che abbiamo elencato.

Quando si pensa ai fattori scatenanti dello stress, infatti, si fa riferimento solo a certi aspetti, come il lavoro, l’ambiente in cui viviamo, gli impegni familiari e così via. Dobbiamo invece far chiarezza su un semplice concetto: le fonti di stress per l’organismo sono molte di più. Pensiamo ad esempio a un eccesso di sedentarietà, così come – viceversa – a uno stress fisico troppo repentino, ad un’alimentazione errata basata su cibo spazzatura e pasti discontinui, oltre naturalmente a tutti i fattori personali che costituiscono una fonte di stress emotivo.

È dunque solo comprendendo la vera fonte dello stress, e poi eliminandola o minimizzandola, che possiamo liberarci definitivamente dei sintomi correlati. Qualsiasi altra terapia sarà a breve termine e si limiterà a mitigare alcuni sintomi piuttosto che agire alla radice del problema.

Si tratta di un lungo percorso, che può durare anche molto tempo e che deve essere affrontato con coraggio, chiarezza e determinazione, sapendo che non sarà semplice. Inoltre, è spesso utile agire su più fronti:

  • quello alimentare, integrando nella propria alimentazione cibo biologico, regolarizzando l’ora dei pasti e mantenendo una costante idratazione.
  • sul piano dell’attività fisica che, se fatta con moderazione e secondo le proprie possibilità, agisce positivamente a livello ormonale migliorando l’umore.
  • impostando uno stile di vita più sano ed equilibrato di quello che spesso ci impone la società, con ritmi esasperanti e poca attenzione per sé e le proprie necessità. Spesso basta concentrarsi per qualche minuto al giorno sul proprio respiro per ritrovare un po’ di equilibrio ed energia.
  • integrando nelle nostre giornate pratiche come la meditazione e lo yoga, che hanno benefici scientificamente provati sui sintomi dello stress.

Conclusione

Benché lo stress sia tanto diffuso quanto conosciuto, non dobbiamo mai commettere l’errore di sottovalutarne i sintomi.

Imparare a riconoscerli in fretta ci aiuterà ad agire con maggiore prontezze e ad identificare le vere cause del nostro malessere prima che sfoci in un disturbo più grave, portandoci ad essere più consapevoli e rispettosi del nostro corpo.

Altri post di Chiara Moretti

La Meditazione Dinamica di Osho: cos’è e come si pratica

La meditazione dinamica di Osho ribalta completamente l’idea comune di meditazione: se...
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *