Tarda Estate: Come viverla al meglio con la Medicina Cinese e lo Yoga

tarda estate

Ogni volta che penso all’elemento Terra, nella mia testa parte automaticamente “Indian Summer” dei The Doors.

Sì, perché questa quinta stagione, non riconosciuta dal nostro calendario, è proprio la stagione dell’elemento Terra e della tarda estate, definita anche Estate Indiana.

È quel momento dell’anno in cui il caldo, massimo Yang dell’estate, comincia lentamente a lasciare il posto al fresco dell’autunno più Yin con una transizione lenta e delicata che profuma di malinconia.

La Terra nella medicina cinese

terra medicina cinese

Nella Medicina Tradizionale Cinese, esiste la quinta stagione della tarda estate che rappresenta l’elemento Terra.

La Terra è l’elemento centrale che collega tutti gli altri controllandoli, equilibrandoli e nutrendoli. Nel ciclo dei cinque elementi, la terra è nutrita dalle ceneri prodotte dal Fuoco, ma essa è la madre e tutrice di tutti gli altri elementi, in quanto genera le montagne (elemento Metallo), controlla l’Acqua con i suoi argini e trasforma il calore del sole (Fuoco Yang) nutrendo il Legno per permettere alle piante di crescere.

Il nostro corpo-mente può percepire chiaramente questo periodo dell’anno in cui il fuoco dell’estate lentamente si spegne e lascia con dolcezza il posto all’autunno, chiedendoci di coprirci di più e di prepararci al viaggio verso il momento più Yin dell’anno: l’inverno.

Se ci fermiamo un attimo a pensare, la nostra Terra è tutto.
È fonte di nascita e vita, è ciò a cui il nostro corpo torna dopo il viaggio della vita, è il luogo nel quale riposare.

La creatura mitologica della fenice rinasce dalle proprie ceneri, dalla propria terra, per un ciclo di vite infinite e ci fa comprendere chiaramente l’importanza della Madre Terra.

La terra è la nostra casa, la nostra origine e ciò da cui nascono le forme di vita destinate a nutrirci (verdura, frutta, legumi e cereali) e, a maggior ragione in questo periodo storico, è importante ricordarlo quotidianamente.

I Meridiani della tarda estate

“Ogni cosa creata nell’Universo si incontra nel Centro ed è assorbita dalla Terra”
Tratto dal Nei Ching

La Terra è, per eccellenza, l’Elemento centrale e la sua direzione è sempre verso il centro.
Se noi non conosciamo bene il nostro centro e non ci sentiamo centrati, perdiamo la nostra identità, la nostra terra. È interessante come, nella diagnosi tradizionale, venga anche considerata la pulsazione dell’ombelico per accertarsi che sia nel centro.

Nella Medicina Tradizionale Cinese, questo meraviglioso Elemento è rappresentato dai Meridiani di Stomaco e Milza-Pancreas.

Il Meridiano di Stomaco comincia sotto all’occhio, quasi a significare l’importanza dell’osservazione e della ricerca del cibo, movimento necessario alla sopravvivenza. È curioso anche osservare come il processo digestivo cominci quando l’occhio osserva il cibo di fronte a noi, attivando la salivazione.

Nel Nei Ching, lo Stomaco è definito come l’ufficiale del granaio pubblico che fornisce i quattro gusti. Nello Shiatsu stile Masunaga è strettamente collegato all’utero ed all’apparato riproduttivo femminile.

Quando siamo carenti nella terra o la nostra terra “non è fertile” possiamo sentirci destabilizzati, non “digerire” situazioni e cibi e, nell’universo femminile, soffrire di problemi di irregolarità del ciclo mestruale.

Nella Medicina Occidentale, la milza ha differenti funzioni importanti: filtra il sangue liberandolo dai vecchi globuli rossi, è un magazzino di globuli bianchi e gioca un ruolo importante nel nostro sistema immunitario.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, invece, il suo ruolo è ben più ampio ed abbraccia non solo l’aspetto fisico, ma anche mentale: è definita come la sorgente di tutti gli altri organi, trasforma e distribuisce nel corpo i nutrienti assimilati precedentemente tramite lo Stomaco (non per niente, c’è chi la definisce come l’Ufficiale incaricato della distribuzione) ed è la sede dei nostri pensieri e della nostra energia mentale.

Come riconoscere gli squilibri

erbe e rimedi

Gli squilibri della Terra sono chiari ed evidenti. Essendo il nostro Elemento base e centrale, possono abbracciare dai singoli Meridiani Stomaco/Milza-Pancreas a tutto l’organismo.

Quando il sistema di “assimilazione e distribuzione” si ferma, è evidente. Nella visione olistica dell’uomo, la diagnosi di disequilibrio di questo Elemento, può essere effettuata da un medico-chirurgo agopuntore, da un operatore Shiatsu o da un operatore Tuina.

Andiamo a toccare i singoli campanelli d’allarme del disequilibrio di questo Elemento.

Colorito del volto

Il colorito del volto di una persona con squilibri di Terra è tendente ad una sfumatura giallina.
Non a caso, il colore di questo elemento è il giallo.

Bocca

Attraverso la bocca immettiamo nel corpo ossigeno, acqua e cibo. Senza di essa non potremmo nutrire il nostro corpo con le giuste sostanze e senza di essa non potrebbe cominciare la prima fase digestiva.

La secrezione che rappresenta l’Elemento Terra è proprio la saliva. Molti disturbi legati alla bocca o ad un eccesso/mancanza di salivazione sono strettamente collegati a questo Elemento.

Umidità

In questo periodo dell’anno ed in questa nazione, il clima subisce un cambiamento e diventa più umido: l’estate ci lascia dolcemente e ci accompagna verso l’autunno.

Un eccesso di umidità, però, può nuocere all’Elemento Terra e, anche chi patisce particolarmente il clima umido, può soffrire di un disequilibrio di questo Elemento.

Sogni

I sogni ricorrenti di chi ha disequilibri di Terra, possono vedere presenti persone sofferenti di fame o sete, far sentire estremamente pesanti e con difficoltà di movimento o far percepire la presenza di muri/blocchi o musica.

Pensieri

Un Elemento Terra in equilibrio ci rende aperti all’ascolto e capaci di definire le nostre intenzioni (Yi) e pensieri con una forte centratura.

Chi soffre di squilibri di Terra, al contrario, è soggetto a pensieri ossessivi e dogmatismi estremi, come se le idee ed i pensieri non avessero terreno fertile in cui fiorire.

Orari

Stomaco: dalle 07.00 alle 09.00

Milza-Pancreas: dalle 09.00 alle 11.00

“colazione da re, pranzo da nobile, cena da povero”

La Macromediterranea, ideata dal Dott. Berrino, ci riporta proprio il principio madre della Medicina Tradizionale Cinese, secondo il quale l’orario migliore nel quale assumere il cibo è proprio fra le 7.00 e le 9.00: momento della giornata nel quale lo Stomaco è più attivo e recettivo.

Dopo una sana e consapevole assunzione di nutrienti nella fascia oraria mattutina, si attiva il Meridiano di Milza-Pancreas elaborando i nutrienti e distribuendoli in tutte le zone del corpo che richiedono supporto e nutrimento.

È anche l’orario perfetto nel quale focalizzarsi sul lavoro mentale o studiare.

Come supportarsi con la Medicina Tradizionale Cinese

donna pratica qi gong

Il mio è sempre un punto di vista di parte, ma credo fermamente che trattamenti a tutto tondo, quali lo Shiatsu, il Tuina, il Gua Sha, la Coppettazione e l’Agopuntura (questa praticata solo da un medico-chirurgo), siano IL supporto per eccellenza nel ristabilire gli equilibri di Terra, specie nella tarda estate.

Questo Elemento è necessario per il benessere della persona, in quanto madre di tutti gli altri Elementi, ma anche per il benessere femminile in riferimento a disturbi legati al mestruo ed al ciclo mestruale.

I cibi consigliati dalla Medicina Tradizionale Cinese in questo momento dell’anno sono il miglio, l’albicocca ed il porro.

Come supportarsi con lo yoga

Alimentazione consapevole, sano movimento ed attitudine mentale sono i pilasti che definiscono la base del nostro benessere.

Se non siamo in grado di ascoltarci per nutrirci consapevolmente, non abbiamo la “benzina” giusta per il nostro corpo.
Se non scegliamo di muoverci in modo sano ed a contatto con la nostra Madre Terra, perdiamo l’unione con le nostre radici.
E se non siamo presenti e consapevoli mentalmente, perdiamo le nostre basi sentendoci letteralmente “mancare la terra sotto ai piedi”.

Lo Yoga, essendo un’arte che abbraccia la persona nel suo tutto, è un ulteriore supporto per essere presenti, muoversi consapevolmente e nutrirsi di buone energie durante la tarda estate.

Per questo Elemento, sono presenti due Asana super indicate per stimolare Stomaco e Milza-Pancreas.

Supta Virasana

Supta Virasana

  • Ci portiamo in posizione seiza semplice con i glutei poggiati sui talloni.
  • Respiriamo qui, percependo il peso del corpo perpendicolare con la terra e la zona delle caviglie e delle ginocchia che viene stimolata.
  • Testa in linea con la colonna ed il bacino, mento parallelo alla terra e lievemente rientrato.
  • Poggiamo le mani dietro di noi sulla terra e cominciamo a camminare indietro estendendo il collo, aprendo la zona del torace e stimolando con la mente lo stomaco e la milza.
  • Possiamo rimanere con le mani poggiate a terra, poggiare i gomiti o distenderci totalmente con la schiena a terra e le mani poggiate a terra con i palmi rivolti verso il cielo.

Balasana

Balasana

La posizione Yoga più apprezzata dai miei allievi 🙂

  • Ci riportiamo delicatamente in seiza, camminando con le mani verso i glutei.
  • Una volta che siamo tornati con il peso del corpo perpendicolare al pavimento, andiamo ad allargare la posizione delle ginocchia alla stessa larghezza del tappetino, uniamo le punte degli alluci e ci rivolgiamo verso la terra con l’intenzione di poggiarvici la testa o, per chi si sente comodo, poggiando direttamente la fronte sulla terra stessa.
  • Percepiamo l’allungamento della schiena nella contro-posizione di Balasana ed il respiro contenuto fra le gambe.
  • Le mani possono essere portate oltre la testa con i palmi a terra e le braccia distese in avanti, oppure indietro con i palmi rivolti verso il cielo e le braccia distese lungo il corpo nella direzione dei glutei.

Conclusione

Non esiste un disequilibrio che non abbia una radice ed una fonte e l’Elemento Terra della tarda estate è la nostra pura connessione con il mondo che ci circonda.
Prendendoci cura della Madre Terra, ci prendiamo cura di noi e questo è sicuramente il primo passo per riportare l’ago della bilancia in posizione neutra.

Cominciamo a prenderci cura di noi, a rispettarci ed a considerarci come una parte indissolubile della natura che ci circonda.
Cambiamo piccole abitudini quotidiane, poniamo l’attenzione a quello che compriamo ed a come vogliamo nutrire il nostro corpo e la nostra mente.
Muoviamoci a piedi scalzi sulla terra, percependone il suo cuore pulsante.
Scegliamo di rispettare gli animali e l’intero ecosistema.
Scegliamo di essere la differenza per noi e per la nostra Madre nutrendo cuore, mente e spirito.

Conoscevi la tarda estate e le sue caratteristiche? Come affronti di solito questo periodo dell’anno? Faccelo sapere nei commenti! 

Letture consigliate

Questo sito è gratuito e senza pubblicità

Tutti i contenuti sul nostro sito sono al 100% gratuiti e senza banner pubblicitari. È una scelta consapevole, per rendere la meditazione alla portata di tutti e offrirti una migliore esperienza di navigazione. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori per continuare a mantenere attivo il nostro portale, producendo sempre più articoli e risorse sulla meditazione e la crescita personale. Ecco come puoi sostenerci:

Altri post di Valentina Sofia
Autunno: Come affrontarlo con la Medicina Cinese e lo Yoga
L’autunno è una delle due stagioni di transizione e di grande cambiamento...
Continua a leggere
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *