invictus

Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come il pozzo più profondo che va da un polo all’altro,
Ringrazio gli dei chiunque essi siano
Per l’indomabile anima mia.

Nella feroce morsa delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato per l’angoscia.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo di collera e lacrime
Incombe solo l’Orrore delle ombre,
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto sia stretta la porta,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima.

– William Ernest Henley (1849-1903)

Questo sito è gratuito e senza pubblicità

Tutti i contenuti sul nostro sito sono al 100% gratuiti e senza banner pubblicitari. È una scelta consapevole, per rendere la meditazione alla portata di tutti e offrirti una migliore esperienza di navigazione. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori per continuare a mantenere attivo il nostro portale, producendo sempre più articoli e risorse sulla meditazione e la crescita personale. Ecco come puoi sostenerci:

Scritto da
Altri post di Raul Baqueiro
5 esercizi di respirazione per aiutarti a meditare meglio
La vita dell’uomo del XXI secolo è incredibilmente frenetica. Sempre di corsa,...
Continua a leggere
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *