I 5 Tibetani: cosa sono e come si eseguono 5/5 (8)

i 5 tibetani yoga

I 5 tibetani sono un gruppo di esercizi yoga considerati elisir di eterna giovinezza, perché capaci di migliorare la flessibilità del corpo, apportando enormi benefici anche sul piano mentale.

Sono ideali da praticare al mattino, specialmente se vuoi iniziare la giornata con la giusta energia, ma sono anche ottimi come esercizi di riscaldamento prima dell’attività fisica. Bastano solo venti minuti, da ritagliarsi quotidianamente e possibilmente a digiuno, per migliorare giorno dopo giorno e aumentare il numero delle ripetizioni in maniera progressiva.

La tradizione tibetana prevede la ripetizione di ognuno dei cinque tibetani per 21 volte. Il nostro consiglio è quello di procedere, invece, progressivamente: comincia pure con 3 o 4 ripetizioni per rito e preparati a vivere un bellissimo incontro tra la tua mente e il tuo corpo.

Scopriamo insieme i 5 Tibetani, come eseguirli correttamente e quali benefici potrai ottenere con la pratica.

Come eseguire correttamente i 5 tibetani

1) Primo Tibetano

primo tibetano

Per il primo dei cinque tibetani dovrai stare in piedi con le gambe leggermente divaricate. Solleva le braccia all’altezza delle spalle, tenendole parallele al tappetino da Yoga sul quale ti trovi, e rivolgi i palmi verso il basso. Mantenendo questa posizione, fissa un punto fermo di fronte a te e inizia a ruotare in senso orario. I tuoi piedi dovranno essere saldamenti aderenti alla superficie del tappetino. Inizia, così, a muoverti di un quarto di cerchio alla volta, rimanendo sempre sul punto di partenza. Quante ripetizioni dovrai fare? Dipenderà solo da te. Considerato il rischio di vertigini e capogiri, ti consigliamo di fermarti non appena ne senti il bisogno. Con il Primo Tibetano avrai attivato tutti i sette chakra.

2) Secondo Tibetano

secondo tibetano

Per questo Tibetano distenditi sulla schiena, mantenendo le braccia lungo i fianchi. Poggia le mani al pavimento, mantenendo le dita unite, e solleve la testa da terra portandola verso il petto. Solleva, così, le gambe verticalmente, tenendo i piedi a martello. Dovrai formare un angolo retto rispetto al suolo. Con questa posizione attiverai i primi 5 chakra, rafforzerai i muscoli addominali e delle gambe.

3) Terzo Tibetano

Ustrasana

Per il Terzo Tibetano dovrai assumere l’asana dello Yoga Ustrasana,  chiamata anche la posizione del cammello. Inizia posizionandoti in ginocchio, con il dorso dei piedi puntato a terra, e distendi le braccia lungo i fianchi, tenendo però i gomiti all’indietro. Espira e porta la testa in avanti. Inspira e portala, invece, all’indietro assieme alle spalle, mantenendo però il corpo ben eretto. Inarcherai la parte superiore del busto, contrarrai i muscoli e guadagnerai flessibilità nella spina dorsale. Ustrasana è una posizione ideale anche se hai bisogno di distendere gli addominali dopo un allenamento molto intenso

4) Quarto Tibetano

quarto tibetano

Siediti con le gambe distese in avanti, lievemente divaricate, e mantieni il busto ad angolo retto. Sposta le punte dei piedi verso il soffitto e mantieni le braccia lungo i fianchi, con i palmi appoggiati sul tappetino. Inspira e premi mani e talloni a terra, alzando il bacino per formare una sorta di ponte. Mantieni le braccia tese e contrai i glutei, fletti la testa indietro ed, espirando, torna alla posizione di partenza. Con questo Tibetano attiverai il terzo, il quarto e il quinto chakra.

5) Quinto Tibetano

quinto tibetano

I 5 Tibetani terminano con una posizione molto piacevole per distendere i muscoli della schiena.

Inizia stando a quattro zampe, ma sposta le mani in avanti rispetto alle spalle. Espira e sollevati, assumendo la posizione di una V rovesciata. Dovrai mantenere le piante dei piedi e i palmi delle mani ben saldi a terra, mentre braccia e gambe saranno tese. Inspira e riabbassa il bacino senza toccare terra, espira e sollevalo nuovamente. Con questo Tibetano attiverai tutti i chakra e tonificherai sia gli addominali che gli organi intestinali.

Iniziando a praticare questi esercizi ogni giorno ti accorgerai presto di sentirti più sciolto, rilassato ed equilibrato. Ben presto i cinque tibetani diventeranno parte integrante delle tue giornate e della tua vita, portando con loro tutti i benefici che ne derivano.

Lettura consigliata

I cinque tibetani. L'antico segreto della fonte della giovinezza
  • Peter Kelder
  • Editore: Edizioni Mediterranee
  • Copertina flessibile: 137 pagine

Scritto da
Altri post di Raul Baqueiro

Mudra, lo Yoga delle Mani: cosa sono e come eseguirle

Mudrā (मुद्रा) è un termine sanscrito che significa letteralmente “sigillo”, “gesto” o...
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *