Muladhara, il primo chakra: scheda e esercizi per sbloccarlo 4.95/5 (19)

Mūlādhāra chakra

Mūlādhāra è il nome del primo chakra, anche conosciuto come il chakra della radice, che si trova nel perineo posto tra i genitali e l’ano.
Si tratta del chakra che rappresenta il sostegno di tutto il corpo (il suo nome significa appunto “il sostegno della base”) e viene raffigurato come un fiore di loto dai petali scarlatti a cui è associato il colore rosso.
7 chakra significatoIl suo elemento è la terra e la fase della vita che gli viene associata è quella della prima infanzia, fortemente legata a emozioni come la sicurezza e la gioia di vivere.

La caratteristica principale di questo chakra è la sua durezza, motivo per cui gli esercizi sul Muladhara favoriscono il rafforzamento e la stabilità di tutto l’organismo, sia in senso fisico che emotivo.

Quando il primo chakra è bloccato, le conseguenze sono una forte insicurezza e apatia, insieme a una perdita dell’autostima che può portarci ad un atteggiamento scoraggiato e perennemente rassegnato nelle attività di tutti i giorni. Anche la troppa attività di questo chakra, di contro, non porta conseguenze positive: si può incorrere in rigidità mentale, ostilità verso i cambiamenti, aggressività ed un attaccamento eccessivo al denaro.
Dobbiamo dedicare particolare attenzione al Muladhara chakra quando attraversiamo periodi di forti cambiamenti, ad esempio una separazione, un trasloco, l’inizio di una nuova attività e in generale tutti gli avvenimenti che coinvolgono il nostro senso di sicurezza e stabilità.

Scheda riassuntiva del primo chakra Mūlādhāra

MooladharaPosizione: Nel perineo tra l’ano e i genitali, alla base della colonna vertebrale
Funzione: Stabilità, sicurezza, fiducia in sé stessi
Colore: Rosso
Elemento: Terra
Senso: Olfatto
Cristalli e pietre: Rubino, corallo rosso, granato, diaspro, onice nero, ossidania
Mantra: Lam
Nota: Do
Animale: Bue, toro, elefante (associati alla terra)

Esercizi per riequilibrare Mūlādhāra chakra

Ashvini mudra

Si tratta di un esercizio molto efficace per portare a livello cosciente ciò che ci sta bloccando.
Ashva significa cavallo e mudra è una posizione del corpo. L’esercizio consiste semplicemente nel contrarre e rilassare ripetutamente i muscoli anali, come un cavallo nell’atto di liberarsi dai suoi rifiuti organici.

Mahamudra

Posizione di partenza: Seduto sul pavimento. Una gamba è diritta e l’altra gamba è piegata in modo che il tallone sia sotto il gluteo. Espirando, piegati in avanti e afferra le dita della gamba dritta con entrambe le mani. Solleva la testa e guarda verso l’alto. Rimani in questa posizione per qualche minuto respirando normalmente.

Mandukī mudra (noto anche come Bhadrāsana)

Posizione di partenza: vajrasana (seduto sui talloni). Separa le gambe sino a che i glutei possano poggiare sul pavimento. Espirando e mantenendo la schiena dritta, appoggia le mani sul pavimento tra le ginocchia. Le braccia possono essere distese oppure piegate a seconda della tua comodità. Le dita puntano verso l’esterno e il tuo sguardo è rivolto verso la punta del naso. Rimani in questa posizione per qualche minuto respirando normalmente.

Questo esercizio ci protegge contro le emissioni nocive, disintossica il corpo e ha un effetto di messa a terra, oltre a migliorare l’olfatto e la concentrazione.

Per scoprire altri esercizi utili a bilanciare il chakra della radice, visita il nostro articolo dedicato.

Scopri i sette chakra

    giallo chakra    blu chakra  chakra indaco

Scritto da
Altri post di Serena Poli

Il perdono

Il perdono è la chiave della felicità. Imparare a dire “Scusa, ho...
Continua a leggere

3 commenti

  • sono affascinato e nutro profondo rispetto per tutto ciò che mi affascina con questo il mio interesse a saperne di più per questo mondo invisibile che è la spiritualità

  • Buonasera, ringrazio molto del lavoro di condivisione fatto con questo sito, è piacevole e immediato. Questo articolo è interessante… ma non resisto dal segnalare un passaggio che mi ha “stranito”, forse vi interessa (non mi offendo se cancellate questo messaggio, anzi). una piccolezza, ma proprio strana, che riguarda l’esercizio sulla muscolatura dell’ano “del cavallo”: rifiuti organici? mi sembra una modalità assurda di definire la cacca! consiglio le feci, come termine, poi fate voi! baci 🙂

  • È sempre un argomento affascinante… Finalmente una spiegazione esaustiva ma concisa di ogni chakra in modo da poter renderlo più efficace possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *